Cosa vedere a Brindisi

Grazie alla sua posizione geografica che la vede al centro del mar Mediterraneo tanto da farle meritare l’appellativo di Porta d’oriente, Brindisi è una città antichissima.

I primi insediamenti umani risalgono infatti al paleolitico, ma la città vera e propria fu fondata dai Messapi nell’ottavo secolo a.C. e divenne subito famosa per la lavorazione del ferro e dei metalli, oltre che per il porto che da sempre è stato il fulcro di tutte le attività.

Il porto di Brindisi, con la sua caratteristica forma a corna di cervo, è uno dei porti naturali più sicuri del mar Adriatico: le biforcazioni del seno di levante e di quello di ponente entrano nella città e offrono riparo alle imbarcazioni.

Cosa vedere a Brindisi? Molte cose: la città è ricca di suggestioni.

Proprio all’ingresso del porto c’è il castello Alfonsino, costruito nel periodo aragonese su un’isola al limitare del porto stesso.

Alfonsine Castle Brindisi

Di fronte invece, a ridosso di una bellissima scalinata, ci sono le colonne terminali della via Appia, fatte erigere durante l’Impero Romano.

Sul lato sinistro delle colonne romane c’è la casa del poeta Virgilio che a Brindisi secondo la tradizione scrisse alcuni versi dell’Eneide e morì.

Ma le tracce della Roma antica, repubblicana e imperiale, a Brindisi sono innumerevoli: si dice che ovunque si scavi si trovi qualcosa.

Ad esempio proprio a causa di alcuni ritrovamenti di interesse archeologico, il progetto per la costruzione del nuovo Teatro Verdi, nel centro della città e a due passi dal Bed and Breakfast Malvasia, ha subito delle modifiche considerevoli. Alla fine è stato costruito sospeso su dei bellissimi reperti e mosaici ritrovati durante i lavori.

Altre tracce del periodo romano possono essere esplorate a Palazzo Nervegna, proprio di fronte al teatro. Anche qui durante il restauro della vecchia Corte d’assise sono emersi bellissimi reperti che sono oggi ben visibili, inglobati nell’edificio, oggi splendido contenitore culturale che ospita spesso eventi di grande importanza ed esposizioni di artisti italiani e internazionali.

Archeological Museum Brindisi

Altro monumento da non perdere, vicinissimo al teatro sebbene più nascosto, è il tempietto di San Giovanni al sepolcro.

In questo tempio di forma ottagonale, costruito nell’XI secolo come riproduzione del Tempio di Gerusalemme, si incontravano i crociati prima di partire verso la Terra santa.

Secondo la tradizione il modo di dire “facciamo un brindisi” deriva proprio dall’uso di incontrarsi a Brindisi per brindare prima di salpare verso Gerusalemme, in questo tempio.

Oltre agli interessantissimi affreschi oggi sono ancora visibili i solchi lasciati dalle spade sulle colonne, nell’atto del giuramento di fedeltà dei templari, e altri simboli incisi nelle pareti, come il nodo di Salomone.

Tra le colonne romane e Palazzo Nervegna c’è il Museo Archeologico, un museo straordinario e ricchissimo di reperti di tutte le civiltà che si sono susseguite nel territorio.

Affianco al museo c’è il Duomo, che si affaccia su una piazza in lastricato bianco, dove in estate si svolgono molte manifestazioni teatrali e musicali.

Ma il Duomo non è l’unica chiesa interessante da vedere a Brindisi: anche la chiesa di San Benedetto con il suo splendido chiostro, quella di Santa Lucia o quella del Cristo, trasudano storia e suggestioni.

Christ Church Brindisi

Da poco è stata restaurata anche la chiesa di Santa Teresa che diventerà un contenitore culturale.

Dalla piazza di Santa Teresa prospiciente la chiesa, si può ammirare uno degli scorci più belli del nostro porto: a sinistra il castello Aragonese e di fronte il quartiere Casale con il Villaggio pescatori, delizioso nella sua semplicità.

Nel centro storico di Brindisi ci sono queste e altre bellezze, ma per chi volesse approfittare del nostro sole per una breve passeggiata, ci sono tante altre cose da vedere fuori le mura della città.

Ad esempio il parco Di Giulio, un parco di erbe e piante dal profumo inebriante, il parco del Cillarese, o le antichissime Cripte di san Biagio, o ancora l’antica chiesa di Santa Maria del Casale, vicinissima al nostro aeroporto di Brindisi-Salento.

Oltre a tutto questo, altri innumerevoli, delicati angoli dove tradizione, cultura e storia si intersecano affollano le vie di Brindisi, lasciando lo spettatore sorpreso ed incredulo.

Vi aspettiamo!

Pin It